radici

RADICI

Che sono nata e in parte cresciuta in un paesino dell’Oltrepo’ pavese, se seguite il blog, lo sapete già. Quello che non conoscete sono i dettagli dello sradicamento. Per darvi un’idea, seppur vaga: Heidi a Francoforte. Al posto della montagna la collina, invece di Peter due cuginetti, anziché il nonno alto e barbuto, quello piccolo e rasato.

Quando sei bambino, le differenze stanno tutte nei dettagli. E allora per me la città era un rumore di passi notturno, che in campagna la notte è solo delle cicale, era una luce da fuori che illumina una stanza buia, che in collina il buio è interrotto solo dalle lucciole, ma soprattutto la differenza stava tutta in quell’aggettivo possessivo che usavo con mia madre: “casa mia ha un piano solo” e “la tua è altissima”, “il tuo frigorifero è rosso, il mio è bianco”, “la porta di casa tua è sempre chiusa, quella di casa mia no”.

Per una bambina di sei anni le differenze tra un paesino di campagna e una grande città è quella che c’è tra una porta sempre aperta e una sempre chiusa a chiave, che per un confronto più impegnativo ci vogliono strumenti più affilati e una capacità critica adulta.

Ma i bambini, si sa, hanno mille risorse e a me venne in soccorso una fantasia molto fervida. Per sovrastare quel rumore notturno mi ero inventata un’amica con cui parlare prima di addormentarmi e per non sentire la mancanza dei prati ne avevo immaginato uno nel giardino condominiale.

Tra l’altro sono stata fortunata: in città di signorine Rottermeier non ne ho incontrata nemmeno una. Quanto meno da bambina.

Poi con il tempo le differenze sono diventate meno evidenti, la città meno spaventosa.

Di quel passaggio è rimasta solo una lieve diffidenza nei confronti del cambiamento. Un sospetto di fondo che in cambio di una porta sempre aperta ti possano rifilare un portone chiuso. Perché l’infanzia segna il solco e lascia il segno (però puoi sempre fare un blog che si chiama cambiopasso e esorcizzi la paura).

Adesso che sono grande in città sono a mio agio. Ho imparato che è come un’aspirapolvere per trarne vantaggio devi saperla usare, che non basta stare fermi ad ammirarla.

La verità è che la città non la lascerei, ma le mie radici sono altrove. E non è perché sono l’unica in casa che non urla quando vede un ragno sul muro. C’è molto di più ed è qualcosa che ha a che fare con le origini. Tra l’altro mi piace dire che ho un’anima campagnola. Che forse non evoca nobiltà di lignaggio, ma dà senso di appartenenza.

Così questo week end sono tornata, dopo mesi di esilio forzato, sulle mie colline. Ho rivisto il borgo natio, con i campanili, il torrente, il centro storico con i portici.

Ho passeggiato con i bambini nelle vie della mia infanzia dove i miei ricordi sono sparsi ovunque come tappe di una caccia al tesoro a cui gioco in silenzio ogni volta che torno.

Ho rivisto le amiche di sempre, quelle che anche se adesso sono donne adulte e mamme premurose, le vedo sempre un po’ bambine con il moccolo al naso e le ginocchia sbucciate.

Ho ritrovato quei volti noti, di cui non conosco il nome e neppure la storia, ma che mi sono familiari e che ho visto invecchiare.

Anche se non tornerei a viverci anche se adesso il mio percorso è altrove, sapevo di essere tornata a casa. “Lo sa perché mangio solo radici? dice la suora della Grande Bellezza nell’unica frase che pronuncia in tutto il film “perché le radici sono importanti”.

Io credo che per trovare una propria identità nel mondo, per mettere le ali e spiccare il volo, sia fondamentale conoscere e riconoscere da dove veniamo. Che i rami andranno tanto più in altro quanto più forti saranno le radici dell’albero. Questo vale per la famiglia d’origine, l’infanzia, ma anche per il luoghi da cui proveniamo.

Io credo anche che se durante il percorso mi dovessi perdere è da qui che inizierò a ritrovarmi. Perché ovunque vada nel mondo ho un’etichetta che mi pende dalla manica sinistra della maglia. C’è scritto MADE IN OLTREPO’.

 


Posted

in

by

Comments

14 risposte a “RADICI”

  1. Avatar ElenaRigon

    Io ti seguo da poco e non conoscevo le tue origini… ma con questo post le hai descritte bene (o meglio hai descritto bene lo sradicamento)

    Piace a 1 persona

  2. Avatar blogcambiopasso

    grazie Elena ❤

    "Mi piace"

  3. Avatar massimolegnani

    bel passo questo brano, mi hai fatto ripensare a Guccini, non a sue canzoni ma a certi suoi racconti dove torna di continuo alle sue radici campagnole.
    ml

    Piace a 1 persona

    1. Avatar blogcambiopasso

      Grazie Massimo! che bel complimento! Io adoro Guccini!

      "Mi piace"

  4. Avatar unamammazen

    Riesco incredibilmente a commentare liscia come l’olio. Non so cosa ho toccato ma evviva! 🙃 Comunque, in effetti le persone più infelici e sbandate che ho conosciuto spesso avevano una totale assenza di radici. certo, poi averle non ti garantisce la felicità, però possedere basi forti e sicure ti aiuta a crescere con una identità precisa, cosa non da poco. Mi piace la tenerezza con cui ricordi la campagna, io sono cresciuta in una piccola realtà di provincia,coi suoi limiti eh, ma a cui devo molto. Specie se ci ripenso ora, al modo di guardarmi intorno da bambina. Un abbraccio

    Piace a 1 persona

    1. Avatar blogcambiopasso

      Grazie Chiara! Evviva hai risolto! Immagino che le radici sarde diano carattere e un’identità forte. Ho un’amica sarda ed è così, e lo stesso mi sembra di leggere tra le righe del tuo blog. Mi sbaglio?

      "Mi piace"

      1. Avatar unamammazen

        Non sbagli. la Sardegna è una terra dura e forte, e le sue radici sono altrettanto. Credo sia quasi inevitabile per un’ isola. Ancorarsi bene alle proprie radici perché si è, fondamentalmente, soli in mezzo al mare. L’altra faccia della medaglia è il rischio di una chiusura mentale e il terrore di attraversarlo, quel mare. Quando le radici ti legano talmente tanto da impedire di spiccare il volo.

        Piace a 1 persona

  5. Avatar Pensieri rotondi

    Fantastico… Il finale poi è da applauso 🙂 Io ricordo anche uno dei tuoi primissimi post, infatti, in cui parlavi della campagna. Anche allora ero rimasta affascinata.

    Piace a 1 persona

    1. Avatar blogcambiopasso

      Grazie Maddalena! troppo buona e che bella memoria, brava!

      Piace a 1 persona

  6. Avatar IsaQ
    IsaQ

    Anche io cresciuta in un piccolo paesotto vicino a Torino e all’età di ventun’anni spostata nella “grande” Venaria Reale. Beh l’infanzia nel paesotto è stata tranquilla, ma quante privazioni???niente piscine,palestre, sognavo di suonare il piano o far danza invece nulla. Sarà forse che le mie origini sono legate alla Basilicata, regione dalla quale provengono i miei genitori.Si, è lì che mi sento a casa.

    Piace a 1 persona

    1. Avatar blogcambiopasso

      Vero Isa, dei limiti della provincia, se hai voglia di leggere, ne ho parlato qui:
      https://cambiopasso.com/2016/10/26/citta-o-campagna-questo-e-il-dilemma/
      Spero che comunque tu sia riuscita poi a ballare o a suonare.

      "Mi piace"

  7. Avatar Romeo

    In realtà le radici le apprezzi molto con il tempo. Almeno per me. Che bella la tua etichetta appesa alla manica 😉

    Piace a 1 persona

  8. Avatar blogcambiopasso

    Grazie Romeo, ogni tanto vorrei tagliarla, ma è meglio che resti lì. 🙂

    "Mi piace"

  9. […] mamma. Ero arrivata in città solo ventiquattr’ore prima, sradicata, senza troppi preamboli, dal borgo in Oltrepò per iniziare la scuola elementare. In quella palestra avevo atteso che la preside chiamasse il mio […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: