maternità e rinunce

LA SCATOLA DEI FARO’

Ieri sera ho ritirato la posta e, tra bollette da pagare e pubblicità, c’era la brochure dei corsi del Comune di Milano. Stavo per buttarla, tanto, di tempo per fare corsi non ne ho, ma poi mi sono trattenuta e ho deciso di non farlo.

L’ho invece infilata in borsa e mentre salivo in ascensore mi sono chiesta se nell’opuscolo avrei scovato il corso che cercavo e, contemporaneamente ho sperato di non trovarlo, per avere come unico alibi il fatto che l’obiettivo della mia ricerca non fosse stato semplicemente inserito in programma.

Così, quando sono arrivata in casa, ho aperto la brochure sulla linguetta verde scuro, quella relativa all’informatica. E in terza posizione ho trovato proprio lui, il corso di scrittura web. Lo tengono il mercoledì sera, dall’altra parte della città.

Lo so già che non sarà possibile. In realtà ce la farei benissimo ad arrivare in tempo, basterebbe organizzarsi, ma preferisco comunque rinunciare. La ragione è una sola: sono una mamma che lavora e, se andassi a quel corso, i bambini il mercoledì non riuscirei a vederli, se non per pochi minuti. E non me la sento.

Intendiamoci, non sono una di quelle madri che pensa che sull’altare della maternità bisogna sacrificare le proprie ambizioni personali e men che meno i propri sogni. Tutt’altro, credo fermamente che una mamma realizzata e soddisfatta di sé sia una buon modello da proporre ai figli e che, al contrario, le frustrazioni materne siano più contagiose della varicella appena prima del rush cutaneo.

Ma penso anche che fare la mamma significhi sapere quando arriva il momento di andare incontro a delle rinunce per il bene dei figli. Io lavoro otto ore al dì e negare la mia presenza ai bambini per un’intera giornata, ora che sono ancora piccini, mi sembrerebbe una privazione per loro e un sacrificio per me.

E’ un equilibrio difficile, ma è indispensabile capire quando mettere il sassolino sul piatto della soddisfazione personale e quando farlo sul benessere dei figli, perché non sempre, purtroppo, le due cose si sovrappongono e perché a volte si rischia di usare i bambini come pretesto per rinunciare ai propri sogni, quando invece il vero motivo è molto meno eroico e ha a che fare con la paura di non riuscire a realizzarli.

Io, questa volta, decido di riporre la brochure del corso nella scatola dei miei appuntamenti rimandati, ci conservo i progetti che nell’immediato non riesco a realizzare, i sogni che per ora restano nel cassetto e tutte quelle attività a cui mi riprometto di dedicare attenzioni non appena avrò più tempo per me.

E’ un contenitore che in casa hanno tutte le madri. Nel mio, oltre al corso di scrittura web, c’è un biglietto d’aereo per New York, a memoria del viaggio che avevo in programma prima di restare incinta, c’è l’indirizzo della scuola Holden, con la quale è rimasto in sospeso un discorso, l’iscrizione al Bookeaterclub di Zelda, e tanti, troppi biglietti del cinema.

Non si tratta di attività che sono naturalmente incompatibili con la maternità. Ne sono consapevole. C’è chi le fa con disinvoltura, chi con qualche difficoltà, eppure si possono fare. Ma non è questo il punto.

Il fatto è che non si può più far tutto, come si poteva prima che nascessero. Bisogna inevitabilmente compiere delle scelte perchè il tempo da dedicare a se stesse e alle proprie passioni si comprime inevitabilmente.

Perchè diventare madre significa anche cercare una scatola e infilarci dentro alla rinfusa sogni da preservare e passioni da conservare con due chicchi di naftalina per proteggerle dalle camole e dal tempo che scorre.

E prima o poi arriverà il momento di aprirlo, quello scrigno pieno di appuntamenti rimandati. E quando solleveremo il coperchio alcuni di quei sogni saranno ancora alla portata, e forse spiccheranno il volo, mentre altri saranno scaduti per sempre e forse si tramuteranno in rimpianti.

E allora sarà il tempo di ricordarsi dei sassolini che abbiamo messo sull’altro piatto della bilancia: i primi passi, le prime parole, le coccole nel lettone, le notti in bianco accanto ad un bimbo malato saranno il parametro con cui soppesare il valore delle nostre scelte, il contrappeso delle nostre rinunce.

Perchè l’infanzia dei nostri figli è una cometa di passaggio, un attore che non accetta repliche, un violinista che non concede il bis.

Perché quando saranno grandi non cercheranno la nostra mano per camminare allacciati, non si infileranno di soppiatto nel lettone per trovare riparo da un incubo notturno, e non ci chiameranno con il ritmo con cui cadono le stelle la notte di San Lorenzo. Queste cose le fanno adesso.

E allora forse realizzeremo che quello che abbiamo messo nella scatola non poteva che stare lì, in attesa di tempi migliori, perché non avrebbe potuto competere con il privilegio di stare ad osservare, da una tribuna d’onore, lo spettacolo di un bambino che cresce.

Annunci

19 pensieri su “LA SCATOLA DEI FARO’

  1. Ed io non posso che essere pienamente d’accordo con te. E’ questo il modo in cui ho deciso di vivere la mia maternità.Soppesando ciò che poteva essere rimandato e ciò che non lo poteva (perchè fugace sull’asse del tempo della vita dei miei bimbi). Il mio problema, come mamma lavoratrice fulltime come te, è che mio marito da libero professionista ha giornate che non terminano mai (le sue giornate lavorative si allungano tanto verso sera). Così io inizio a lavorare molto presto per garantire una presenza genitoriale ai bimbi dalle 16.30/17.00 in poi.Lui riesce a rincasare verso le 21.00. Così anche io ho visto di molto ridotto il mio tempo libero e ingigantirsi la scatola dei Farò. Forse quest’anno riesco a recuperare il nuoto libero alle 6.30 del mattino prima di andare a lavoro (dobbiamo ancora capire bene il gioco degli equilibri tra l’orario di apertura del nido, della primaria e dei primi impegni mattutini di mio marito).Vedremo.Capisco bene che cosa vuoi dire quando dici che nn te la senti di privare – sebbene per una sera a settimana – i tuoi bimbi della tua presenza.I bimbi non sono ttt uguali così come i genitori.Ognuno adotta le scelte di piacere e sopravvivenza che ritiene meglio si attaglino alla propria famiglia.
    Io ad esempio ho notato una cosa.Due volte alla settimana mia suocera si è offerta di prendere lei il bimbo al nido all’uscita delle 13. Mentre nei gg di competenza di mia madre, lei e mio figlio stanno a casa mia (nonostante il nido sia + vicino a casa di mia madre), il lunedì ed il mercoledì mia suocera se lo porta a casa sua (tra l’altro il mercoledì io accompagno a judo il seienne ed insieme torniamo a casa verso le 19). Mia suocera mi riporta il piccolo sistematicamente solo verso le 20 (nonostante sia dotata di chiavi dell’appartemento).Non c’è modo di averlo a casa prima, o di farle capire che un bimbo lasciato al nido alle 7.30 del mattino magari ha voglia di stare a casa sua, magari anche in attesa della mamma e del fratello. Beh quelli sono i gg in cui il piccolo dà il peggio di sè. Si vede proprio che ha patito l’assenza così lunga non solo da me ma anche dai suoi oggetti. Mia madre infatti argutamente ha notato la differenza e lo porta a casa nostra, dove lui fa un sonnellino pomeridiano + lungo e al risveglio già si intrattiene in mia attesa con i suoi giochi. Non biasimo la tua scelta anzi ti dico che sulla mia pelle ho notato la differenza di gestione.

    Liked by 1 persona

    1. E’ dura la vita delle mamme che lavorano, cara Isa. E’ un gioco d’incastri, materiali e anche emotivi. Ma il nuoto libero alle 6 e 30 del mattino è veramente da eroi, ha tutta la mia ammirazione. Ma cosa non si fa per le proprie passioni !?
      Grazie Isa, per la solidarietà e per il commento appassionato (e più lungo di tutti quelli sul mio blog 🙂 )

      Mi piace

  2. Bellissimo post, forse perché ho fatto le tue stesse scelte e ora, che non mi chiamano più “con il ritmo con cui cadono le stelle la notte di San Lorenzo” (bellissima immagine), mi si allarga il cuore quando mi raccontano le loro emozioni di queste nuove stelle cadenti. Ognuna deve fare ciò che si sente, non c’è un limite d’età per realizzare sogni, c’è solo, forse, una diversa prospettiva di vederli. Buona giornata.

    Liked by 1 persona

  3. Bella la metafora della scatoletta. Ne possiedo una anch’io. L’importante è farle prendere aria ogni tanto e magari cercare di svuotarla. Lentamente… o anche solo osservarne il contenuto. Altrimenti va a finire che ti dimentichi persino quello che ci avevi ficcato dentro. Ti abbraccio… ☺

    Liked by 1 persona

  4. Condivido pienamente. Ah, quanti biglietti del cinema accattastati. E chiama la baby sitter dice la gente. Come se fosse così, un attimo, trovare una sconosciuta che venga a casa. Comunque per il corso di scrittura online io l’ho fatto… online! C’ho messo un mese a fare un corso di 2 ore ma è stato interessante, dà una bella infarinatura (ovvio non puoi aspettarti che sia come uno dal vivo) e te lo gestisci quando vuoi. Costo? 10 euro 😉

    Liked by 1 persona

      1. Allora io ho fatto quelli della Un. ti danno file PDF di appunti pure, e ovviamente lo puoi seguire dove vuoi e quando vuoi (tablet, PC, cellulare se scarichi la app) vorrei dirti che sono bravissimi ma non ho molti termini di paragone magari c’è chi li fa meglio ma i prezzi sono davvero ottimi e a me molti punti me li ha chiariti 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...